Ristrutturare un appartamento di 150 mq

Ristrutturare un appartamento di 150 mq

Più spazio per i locali di servizio

Lo stato di fatto

L’appartamento sottopostoci ha una superficie complessiva di circa 150 mq e presenta una buona distribuzione dei locali con una netta suddivisione tra zona giorno e zona notte.

Il proprietario desidera però un locale lavanderia (la lavatrice si trova infatti all’interno del bagno), un ripostiglio più spazioso ed eliminare il piccolo cucinino. Si vogliono inoltre sostituire i vecchi pavimenti con dei nuovi in legno.

Scelte tecniche: impianto di riscaldamento e di climatizzazione

progetto ristrutturazione

Per la ristrutturazione dell’appartamento si è tenuto conto degli impianti esistenti (scarichi e allacci acqua e gas) e della dislocazione di porte e finestre.
Inoltre è stata mantenuta la distribuzione dei locali principali (camere da lettocucina e soggiorno) per non inficiare la possibilità di utilizzo a zone dell’impianto di riscaldamento a pavimento esistente.
Nei bagni l’impianto può essere integrato con il termoarredo.

Per un’abitazione così grande è necesario un impianto di climatizzazione fisso che ha una resa superiore e consente di raffrescare l’intero appartamento.
E’ possibile installare modelli multisplit a soffitto o a parete nelle stanze da letto ed in soggiorno o In alternativa si può optare per un impianto di climatizzazione canalizzato, ha costi più elevati e comporta maggiori interventi ma è silenzioso ed ha alte prestazioni.
L’aria viene distribuita da uno o due condizionatori centrali con funzione ventilante da nascondere completamente in una controsoffittatura mentre fuori va posta l’unità esterna con il compressore.
L’aria fuoriesce da un sistema di canali da nascondere o in paretine di cartongesso o in controsoffittature  ad esempio si potrebbe controsofittare l’ingresso e lasciare le bocchette sul lato rivolto al soggiorno). A vista rimangono quindi solo le bocchette di mandata e di ripresa.

Il progetto di ristrutturazione

ZONE DI SERVIZIO

L’INGRESSO

Si è eliminato il piccolo disimpegno che dall’ingresso portava alla cucina e al bagno della zona giorno creando i due accessi direttamente dal corridoio d’entrata che è molto grande e funge così anche da antibagno, in modo da sprecare meno spazio possibile.

Per sfruttare l’ingresso, che è molto ampio, si può arredare l’angolo con il soggiorno con un guardaroba che può essere:

1) un mobile in legno su misura, con ante a specchio per dilatare gli spazi;

2) un armadio a muro costituito da pannelli in vetro scorrevoli fissati lungo binari a soffitto o a pavimento, chiusi ai lati da paretine in cartongesso.

LA LAVANDERIA

La nuova lavanderia è stata ricavata all’interno della zona notte in prossimità del vecchio ripostiglio grazie allo spostamento dell’accesso alla camera da letto.
Risulta abbastanza grande da poter essere attrezzata con armadi, basi e pensili.
Per gli scarichi e le prese acqua ci si può collegare a quelli già presenti nella camera da letto.
Essendo il locale cieco si deve prevedere l’aerazione meccanica della stanza tramite un apparecchio che aspiri l’aria e la scarichi all’esterno.

I BAGNI

Per la collocazione dei due bagni si sono trovati due vincoli:

– la collocazione degli scarichi del wc;

– la disposizione delle finestre (le due portefinestre simmetriche nella camera e nella cucina, adiacenti alla pareti divisorie dei bagni non consentono di ampliare questi ultimi).

Per non scostarsi dagli impianti esistenti e per non essere costretti ad aprire nuove finestre o a realizzare bagni ciechi si è deciso di modificare le dimensioni dei due bagni ma di lasciarli nella zona in cui si trovavano.
Trattandosi di un appartamento è molto difficile poter spostare la colonna di scarico tra i due bagni che si presume essere utilizzata anche dalle abitazioni ai piani superiori quindi si è preferito non cambiare la posizione dei wc ed utilizzare gli scarichi esistenti.

Il bagno della zona giorno si è ampliato grazie allo spazio recuperato con l’eliminazione dell’antibagno, si è così potuta creare una zona per il lavabo che scherma la parte dove sono posizionati i sanitari.

Il bagno della zona notte è stato ridimensionato per poter spostare il corridoio e creare la nuova lavanderia ed il nuovo grande ripostiglio.

IL RIPOSTIGLIO

Il ripostiglio è stato spostato al centro dell’appartamento ed è ora spazioso molto più spazioso (4,90 mq.).

ristrutturazione
La casa dopo i lavori

ZONA GIORNO

LA CUCINA

L’ingresso in cucina avviene direttamente dal corridoio.
La scelta della collocazione dell’angolo cottura è stata fatta per facilitare il collegamento con le forniture e gli scarichi esistenti (gas e acqua).
Tenendo in considerazione che la finestra è troppo bassa per posizionarvi sotto lavello o fornello (dovrebbe avere il bancale ad almeno 100 cm.), il fornello è stato spostato leggermente per fare maggior spazio dietro al lavello ed è stato prolungato con un piano dotato di sgabelli, utile sia come appoggio per cucinare sia per fare colazione.

IL SOGGIORNO

Il soggiorno è molto grande (35 mq.) e può quindi essere suddiviso, con gli arredi, in più zone: – area pranzo, dotata di tavolo allungabile da 6 a 8 posti;
area relax, separata dalla zona pranzo da una libreria posta contro lo schienale del divano a 5 posti;
area lettura, vicino alla grande finestra. Un’intera parete lunga 555 cm. può essere arredata con una libreria. Per non renderla troppo monotona può essere parte chiusa da ante e parte aperta con i libri a vista.

ZONA NOTTE

LE CAMERE

La dimensione delle camere da letto consente, se si vuole, di realizzare all’interno delle cabine armadio attrezzate, costruite con pareti in cartongesso.


Lascia un Commento

L’indirizzo email non verrà pubblicato.